TECNICHE DI RIEQUILIBRIO ENERGETICO


Vai ai contenuti

Radiestesia

Radiestesia

LA RADIESTESIA
Prima di parlare di RADIESTESIA è bene sapere e capire cos'è l'intuito. Devo fare obbligatoriamente una premessa di tipo energetico-astrologico e questo per il semplice fatto che la nostra carissima ANIMA dispone di vari strumenti attraverso i quali esprime se stessa. Questi strumenti, o come io li definisco "Operai dell'Anima", sono i PIANETI del nostro Sistema Solare di cui ho parlato nel capitolo dedicato all'Astrologia.
Il pianeta URANO stimola il nostro intuito, questo vuol dire che tutti gli esseri umani hanno la capacità di intuire e questa potenzialità può essere sviluppata mediante pratiche energetiche adeguate. Tutti noi al momento della nascita abbiamo ben dieci pianeti a disposizione, cioè disponiamo di dieci Potenziali Intelligenze sviluppate ad un certo livello ed URANO ci aiuta a sviluppare l'intuito, quella capacità multidimensionale che tutti noi abbiamo bisogno per vivere la nostra esistenza in maniera più equilibrata ed armoniosa.
L'intuito ci permette di connetterci con il nostro Sé Superiore, la parte Divina che è in noi, o meglio ancora, con il sesto strato del nostro DNA. Tutti noi disponiamo della parte Divina e l'intuito è il potere che ci permette di connetterci e dialogare con il reparto più radioso che è in noi.
Sappiamo benissimo dagli studi e dalle ricerche fatte in Psicologia come è strutturata la nostra mente, essa è formata da una parte conscia e una parte inconscia ed è proprio quest'ultimo reparto della mente che in un qualche modo non tanto è conosciuto da noi stessi, però abbiamo la capacità di accedere al subconscio "allenandoci".
Uno dei sistemi per farlo è praticare l'arte radiestesica mediante l'utilizzo di strumenti vari quali il Pendolo, Biotensori, Verghe, Bacchette da rabdomante etc.
Nel Cosmo qualsiasi cosa succede viene "registrata, memorizzata" in quella che viene definita, in termini più moderni e più recenti, "La struttura morfogenetica della Realtà" o, AKASHA secondo la definizione indù. E' una sorta di biblioteca vivente e sempre presente nella quale, se sviluppiamo l'arte dell'introspezione e della meditazione, possiamo accedere immediatamente per ricevere risposte a domande di vario tipo. Quando noi registriamo un CD abbiamo bisogno di uno strumento, un lettore, per poterne ascoltare il contenuto; per l'AKASHA è la stessa cosa, come dire, ho bisogno di sapere cosa è successo tempo fa in un determinato momento, abbiamo la possibilità di accedere all'informazione desiderata in quanto l'evento è stato registrato, memorizzato in questa "struttura morfogenetica della realtà".
La RADIESTESIA rappresenta l'arte di poter accedere in questa "Struttura" o " Campo Informazionale" e ricevere qualsiasi informazione dal Subconscio. Essa funziona mediante l'azione del nostro Cervello utilizzando le funzioni del nostro Sistema Nervoso Autonomo con un'azione muscolare. In pratica, rilassando la mente, respirando correttamente per qualche minuto e tenendo in mano un PENDOLO, un BIOTENSORE o una BACCHETTA e concentrandosi su una domanda specifica, possiamo ricevere delle risposte mediante l'interpretazione dei movimenti che lo strumento riceve dal nostro Sistema Nervoso Autonomo.

Secondo l'ingegnere e Fisico francese LOUIS TURENNE, grande studioso e radiestesista, la sede della sensibilità radiestesica si troverebbe nel BULBO RACHIDEO , la parte più arcaica del cervello umano, punto di incontro tra il Sistema Nervoso Autonomo e Centrale, punto di incontro tra Conscio e Inconscio. Secondo la filosofia orientale il bulbo rachideo è associato ad un CHAKRA chiamato ALTA MAJOR, questo Chakra rappresenta il ponte di collegamento energetico che ci connette con le Forze Intelligenti di MADRE NATURA e ci sintonizza con la parte istintiva, con l'inconscio e con l'intuizione.

Il termine RADIESTESIA o RADIOESTESIA deriva da "radius" ( "raggio" in latino) ed "aestheses" ("percepire" in greco). Questo vocabolo significa molto semplicemente "percezioni di radiazioni". La RADIESTESIA è stata definita FISICA VIBRAZIONALE, una branca della Fisica ancora poco conosciuta ma che allo stato attuale si sta sempre più sviluppando.

IN QUALI AMBITI E' UTILE LA RADIESTESIA
Da premettere che quando facciamo delle analisi radiestesiche, non si intendono quelle fisiche, bensì quelle puramente energetiche di ciò che stiamo analizzando e cercando. Le tematiche che possono essere trattate sono:

" Ricerca di disturbi o malattie energetiche;
" Blocchi di Chakra e meridiani;
" Purificazioni energetiche su persone, animali, ambienti";
" Ricerca di talenti e problematiche di vario tipo;
" Ricerca sulla corretta alimentazione;
" Orientamenti professionali;
" Rapporti con gli altri;
" Conoscenza di sé;
" Ricerca dell'acqua;
" Ricerca ed eliminazione di geopatie;
" Analisi del suolo e delle piante;
" Ricerca di oggetti e persone smarrite;

E tanto altro ancora…



Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu